0

Fashion Android incontra Girls in Tech: sinergie al femminile

Oggi abbiamo per voi una vera e propria chicca: l’intervista alle Girls in Tech italiane, Anna Sangian e Gaia Costantino, due delle donne tech più cool del momento. Noi di Fashion Android non possiamo non apprezzare queste due ragazze icone della tecnologia al femminile.

Anna Sargian, managing director del progetto italiano, vanta un curriculum da vera geek girl: appassionata di tecnologia, digitale e internet è co-founder di StartuParty l’evento più conosciuto del settore di tutta la penisola. Non è da meno Gaia Costantino, technical manager dal curriculum invidiabile. Gaia è una “startuppara”, vincitrice già di diversi premi a tema, tra cui, tanto per dirne uno, quello del Mega Startup Weekend 2011 in Microsoft a Cupertino, è attualmente Product Manager in Veespo.

Ma Anna e Gaia non sono le uniche geek girl di tutto rispetto presenti in Girls in Tech, ecco le altre super geek:

Francesca Parviero  Community & Networking  Strategist
Sara Bonomi Social Media Specialist
Claudia  Milia Event Manager
Eugenia di Somma Event Manager
Camilla Zanetti Legal Advisor
Donatella Cambosu PR e Presso Officer

Bene, ma a parte tutte queste splendide donne tech, cosa c’è di bello in questo progetto? Facciamocelo raccontare dalle dirette interessate 😉

  • Girls in tech: nel nome già una storia. Vi va di raccontarcela?

Girls in Tech o GiT è un’organizzazione globale fondata nel 2007 da Adriana Gascoigne in Silicon Valley per rispondere al bisogno di un luogo dove le donne possano coltivare e condividere idee di business, opinioni e consigli che riguardano la propria carriera nel settore della tecnologia. A differenza di realtà simili, GiT è focalizzato sulla formazione imprenditoriale delle donne nel settore della tecnologia e del mondo startup, oltre a rappresentare un’occasione per fare networking. GiT ad oggi comprende 37 capitoli attivi in tutto il mondo per un totale di 17.000 membri.

Il capitolo italiano di GiT è nato alla fine del 2012 e comprende un team di 8 donne appassionate di  startup, impresa, innovazione e tecnologia. Abbiamo da poco tempo messo online il nostro sito e i canali social, ma ci sono già tante girls in tech che hanno voglia di far parte del nostro network.

  • Abbiamo letto di GiT University, un progetto dedicato solo alle donne se non abbiamo capito male. Ce lo spiegate meglio?

Come già detto, il focus principale di GiT è quello di offrire formazione e supporto alle donne che vogliono lanciarsi nel mondo della tecnologia.

Girls in Tech University è una delle iniziative di GiT US, volta ad offrire formazione e mentoring alle studentesse universitarie  interessate ad entrare nel settore della tecnologia. L’obiettivo del programma di formazione è di coinvolgere e incoraggiare le ragazze a considerare una carriera nel tech per raggiungere le loro ambizioni ed entrare in contatto con altre donne che abbiano il loro stesso spirito imprenditoriale. GiT University mira ad offrire risorse formative, workshops, seminari su ledeardhip e empowerment ed eventi di networking.

  • Quali sono i vostri obiettivi futuri?

Vogliamo sviluppare una vera e propria community e diventare il punto di riferimento per tutte le donne che lavorano nel settore della tecnologia in particolare per quelle che ambiscono ad avviare una propria azienda tecnologica, con lo scopo di offrire un luogo di scambio di esperienze e idee, di confronto costruttivo e stimolo, condividendo evoluzioni e idee di business. A breve ci sarà un evento di lancio qui a Milano incentrato a trasmettere il messaggio che nonostante nel nostro paese ci siano ancora molte difficoltà e limiti per le donne che vogliono realizzarsi, fare carriera, e far partire una startup, ci sono dei casi di grande successo che dobbiamo prendere come esempio.

  • Una domanda a bruciapelo: tra tutta la tecnologia che una girls in tech usa inesorabilmente, qual è quella alla quale non rinuncereste per niente al mondo? 

Anna: senza dubbio allo smartphone in generale, e ai social network facebook, linkedin e twitter. Il modo di comunicare con gli amici, di connettersi professionalmente e di informarsi nel quotidiano per me passa da questi tre servizi. La semplicità con cui riusciamo a gestire tutte le relazioni online è davvero fondamentale e su twitter trovo un sacco di spunti interessanti in pochi secondi, raggruppati nelle miei liste; tutte informazioni che  impiegherei molto più tempo a reperire se dovessi cercare liberamente in rete.

Gaia: Non rinuncerei mai al mio smartphone con una buona connessione per rimanere sempre aggiornata, scattare e pubblicare foto e tenermi in contatto con la mia famiglia e i miei amici. Il servizio senza il quale non potrei sopravvivere è Dropbox, tengo lì tutti i miei documenti più importanti, così posso accedervi ovunque e non rischiare mai di perderli.

Grazie infinite a Anna e Gaia per la loro disponibilità e chiarezza. Un mega in bocca al lupo per il vostro progetto e… girl power!!! 

Autrice: Francesca Oliva (144 Articoli)

Web Copy Writer Freelance che si sveglia al mattino con un solo pensiero: scrivere. Tra le tante collaborazioni, è capo editore di FashionAndroid la prima community su Android in Italia, tutta al femminile.

Sito Web: FrancescaOliva

Contatti

Aspetta! Ci sono altri articoli che potrebbero interessarti:

Scopri e confronta i migliori Smartphone Android in offerta:

Filed in: Interviste Tags: , , , ,

Related Posts

Bookmark and Promote!

© 2017 Fashion Android. Tutti i diritti sono riservati. P.IVA: 06244890486 - SiteMap - Policy - Pubblicizza.
Powered by Marketing Cuneo | Redazione a cura di Francesca Oliva