1

Sei un turista sostenibile? Questa app fa per te!

Buongiorno girls! Vi piace viaggiare? E magari in modo sostenibile? Siete un turista “green” , questa app fa per voi!.

Green Passport  e´ una sorta di  passaporto verde.  Spesso non consapevoli del fatto che le scelte che facciamo per la nostra vacanza possono avere un impatto sulla nostra destinazione e sulle persone che vi abitano. Non pensiamo alle implicazioni ambientali che il nostro viaggio comporta. L’obiettivo di questo passaporto verde e´ di sensibilizzare il viaggiatore, prima durante e dopo il viaggio sulle azioni sostenibili che si possono compiere anche in vacanza. La app vi da´ dei suggerimenti sulle  cose che potete fare per contribuire a rendere il turismo una attività sostenibile , con la quale si intende un’attività che non solo è rispettosa dell’ambiente , ma che è anche utile allo sviluppo economico e sociale delle comunità padroni di casa .

Navigando per  la app potrete raccogliere informazioni generali e consigli utili per la vostra vacanza green.

La cosa molto interessante e´ che il Passaporto Green Campaign e´ un’iniziativa del UNEP (Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente) -backed task force internazionale per lo sviluppo del turismo sostenibile , si propone di introdurre i viaggiatori ad alcune delle cose che possono fare per rendere il turismo sostenibile . Attraverso le guide di viaggio , i siti web e le altre attività , la campagna aiuta i turisti minimizzano la loro impronta , scegliendo la forma di trasporto meno inquinanti , trovare possibilità di alloggio a basso impatto ambientale , migliorando la loro efficienza energetica alle destinazioni, compensando le emissioni di anidride carbonica inevitabili del loro viaggio , e di agire per contribuire a migliorare le condizioni di vita in comunità di accoglienza.

Il passaporto verde è stato costruito per rispondere alla necessità di migliorare gli sforzi del settore turistico di comunicare con i viaggiatori riguardo al turismo sostenibile attraverso campagne sui temi della sostenibilità.

La app , cosi come il sito si sviluppa in  fasi:

Prima di partire: è indispensabile saperne di più sulla destinazione e il suo ambiente locale, le  tradizioni e la cultura prima di partire. Imparare a conoscere la destinazione scelta  aiuta a garantire che le comunità locali siano ospitali ed amichevoli.

Come arrivare:  include informazioni sulle scelte di trasporto locale, su dove dormire e dove mangiare.  Suggerimenti intelligenti  a dimostrazione del fatto che, viaggiando leggeri si può ridurre significativamente la nostra impronta di carbonio.

Come muoversi: suggerimenti su come scegliere il  trasporto pubblico a livello locale, incontrare persone conoscere l’ambiente locale ect. Inoltre sono riportati consigli su come muoversi  in ambienti diversi: in acqua, in terre aride e deserti, in montagna etc..

Prima di tornare:  viene evidenziata l’importanza di fare un’analisi ambientale del viaggio e controllare le conseguenze delle proprie azioni e comportamenti sull’ ambiente e sulla comunità locale. Nei negozi di souvenir, scegliere intelligentemente  cosa comprare: meglio dare la preferenza all’artigianato del posto,  sostenendo così le competenze locali.

Dopo il viaggio:  sostenete le iniziative delle comunità dei luoghi visitati, parlate delle vostre vacanze, condividete le vostre scelte sostenibili.

Pronti ad essere degli “ecoturisti”?

Autrice: Marinella Scarico (112 Articoli)

è una programmatrice, energy manager e scrittrice. Unisce la competenza informatica con il rispetto dell’ambiente.

Sito Web: MarinellaScarico

Contatti

Aspetta! Ci sono altri articoli che potrebbero interessarti:

Scopri e confronta i migliori Smartphone Android in offerta:

Filed in: App Green, Fashion App Tags: , , , , , , ,

Related Posts

Bookmark and Promote!

  • biciobill

    La vera sostenibilità comincia dal pranzo e continua con la cena: go VEGAN

© 2016 Fashion Android. Tutti i diritti sono riservati. P.IVA: 06244890486 - SiteMap - Policy - Pubblicizza.
Powered by Marketing Cuneo | Redazione a cura di Francesca Oliva