4

Si, viaggiare, evitando le curve più dure (e gli autovelox)

   
Viaggiare in macchina è diventato da un lato più semplice, grazie ai navigatori satellitari, e da un lato molto più difficile, a causa dei limiti di velcità e dei mille sistemi di rilevamento, dagli autovelox al tutor. C’è poi il problema, imprevedibile, degli incidenti stradali, fatto che può pregiudicare le tempistiche previste del viaggio, e rivoluzionarci i programmi.
Ci viene come al solito incontro la tecnologia, con vari tipi di soluzioni possibili, ne scopriremo una per ogni problema.
Innanzitutto, per chi fa molta strada, l’ostacolo più ostico è il tutor. Il concetto di funzionamento, per chi non lo conosce, è semplice: dei lettori sospesi sotto i ponti delle autostrade rilevano costantemente la nostra velocità media di percorrenza, e se risulta superiore al limite orario emettono automaticamente la contravvenzione. Questo evita il problema classico degli autovelox, la rilevazione dell’eccesso di velocità  durante il sorpasso, classico momento nel quale è possibile che si debba spingere più a fondo il pedale e si superi il limite consentito, magari solo per qualche secondo.
Per aiutarci a tenere ben sotto controllo la situazione ci viene in soccorso Tutor Autostrade, con la posizione esatta dei 340 punti di rilevazione presenti sul territorio. In navigazione evidenzia la distanza dalla prossima postazione, e la velocità media che verrà da questa rilevata al passaggio. Una volta passsato il punto si resetta e inizia il calcolo rispetto al nuovo, mantenendo la media di viaggio totale e parziale consultabile. Rileva ovviamente anche la direzione di percorrenza, e si interfaccia a google traffic per fornire in real time tutte le informazioni sullo stato della strada.
Nel campo dei servizi al guidatore l’alternativa GPS a Google è Sygic GPS Navigation, un navigatore professionale, gratuito e off-line con assistente vocale di guida e mappe Tom Tom (molto apprezzate dagli automobilisti di tutto il mondo). Potendo archiviare localmente le mappe non è necessrio disporre di connettività dati attiva. Nelle caratteristiche interessanti troviamo l’indicatore di corsia con il relativo calcolo della velocità massima consentita, la segnalazione dell’imminente cambio del limte di velocità, segnalazione degli autovelox, e Tom Tom traffic per risparmiare tempo. Notevole la navigazione in 3D delle città, grafica molto accattivante e comoda per orientarsi, il pacchetto ha licenza illimitata e gli aggiornamenti di mappe e città sono gratuiti.
Da segnalare l’area personale, che permette di interagire con gli amici nelle vicinanze, e soprattutto consente di segnalare in tempo reale la presenza di incidenti stradali, o di richiedere soccorso in caso di problemi al proprio veicolo.
E per chiudere il social navigator più conosciuto e diffuso, con una vera e propria community di più di 30 milioni di user nel mondo. Se vuoi rendere interattivo, divertente e interagente un viaggio in auto, magari lungo e noioso, questo Waze è lo strumento perfetto per te. In questo caso, mappe a parte, la maggior parte delle informazioni è gestita direttamente dagli utilizzatori, che possono costantemente segnalare sia gli incidenti, che posti di blocco o postazioni di rilevazione mobile, ma anche i prezzi del carburante applicati dai distributori consentendo agli altri utenti di risparmiare sul pieno di benzina. Supporta anche funzionalità di sharing del viaggio, per condividere con altri la propria vettura e dividere le spese, e (come una volta si faceva con i CB, le radio a corto raggio presenti sui camion e su alcune macchine) è possibile organizzare in un attimo un verticale al distributore (NDA: in linguaggio radioamatoriale il verticale è l’acronimo di incontro tra amici).
Anche qui la navigazione è assistita con assistente vocale, e il programma si adatta all’autista: nel caso di percorrenze ricorrenti in disaccordo con il calcolo automatico il navigatore si setta, e propone questa rotta come abituale in alternativa a quella di sistema. Il che permette di tenerlo sempre acceso, anche se si fanno percorsi alternativi, sapendo che non continuerà ossessivamente a cercare di portarci dove vuole lui. Molto social, e apprezzatissimo dai suoi utilizzatori.
E voi che app usate?

Autrice: Marinella Scarico (112 Articoli)

è una programmatrice, energy manager e scrittrice. Unisce la competenza informatica con il rispetto dell’ambiente.

Sito Web: MarinellaScarico

Contatti

Aspetta! Ci sono altri articoli che potrebbero interessarti:

Filed in: App Work Tags: , , , , ,

Related Posts

Bookmark and Promote!

  • Mauro Mafucci

    Ottimo articolo, ma vorrei far notare che sygic è gratuito solo x 7 giorni, poi va acquistato.

  • grazie del complimento e grazie mille della segnalazione!

  • Andrea

    Segnalo CamSam. Gratuito. Contiene TUTTE le postazioni fisse di rilevamento, tutor compresi. Molto aggiornato. Oltremodo discreto, si puo’ tenere in background sul cellulare, e ci avvertira’ con dei ‘cicalini’ di intensita’ crescente all’approssimarsi del rilevamento.

  • grazie andrea per la segnalazione! Lo proverò di sicuro!

© 2017 Fashion Android. Tutti i diritti sono riservati. P.IVA: 06244890486 - SiteMap - Policy - Pubblicizza.
Powered by Marketing Cuneo | Redazione a cura di Francesca Oliva