3

Da Android a PC e ritorno: ecco come fare per trasferire i file

 

Easy android Da Android a PC e ritorno: ecco come fare per trasferire i file

Con il vostro nuovo cellulare Android avete scattato una fotografia così bella e volete passarla sul PC? Oppure vorreste seguire i nostri consigli e mettere la vostra canzone preferita come suoneria ma non sapete come caricarla sul vostro dispositivo Android? Per questo e per molto altro, eccoci con una nuova guida dedicata al trasferimento dei file da smartphone a PC e viceversa.

La scorsa settimana vi abbiamo parlato di Bluetooth: sicuramente questo è un ottimo mezzo utile al trasferimento di dati tra due dispositivi dotati di tale tecnologia, ma non l’unico. Oggi vi parliamo degli altri due metodi più comuni per riuscire nell’intento: l’utilizzo del cavetto e della rete.

Attaccando il cavetto all’apposita entrata del vostro dispositivo Android e collegandolo poi al computer tramite una porta USB, si possono facilmente passare file tra i due dispositivi proprio come si fa con una normale penna USB. Potrebbe succedere, però, se siete possessori di un PC windows, che il vostro smartphone o tablet non venga  riconosciuto immediatamente dal PC. A seconda del modello in vostro possesso, infatti, è necessario installare i driver relativi (che, soltamente trovate all’interno della confezione oppure online, nel sito ufficiale del prodotto in vostro possesso). A questo punto vi basterà attaccare il cavetto USB (vi apparirà il robottino Android che vi notificherà l’avvenuta connessione), premere su “Attiva connessione” e iniziare dal vostro computer la procedura per trasmettere le varie immagini, musiche e documenti.

Una volta trasferito i vari file potrebbe essere necessario gestirli per riuscire a ottimizzare spazi e non perdere i vari documenti all’interno del vostro Android. Proprio per questo potrebbe esservi utile scaricare un’app realizzata proprio con lo scopo di gestire i dati ricevuti da PC: ne esistono davvero tante, quasi tutte gratuite, come ASTRO File Manager o EG Gestore File. Andate su Google Play, troverete sicuramente quella che fa al caso vostro!

Se, però, non abbiamo il cavetto a portata di mano e il Bluetooth non è presente nel secondo dispositivo (o, per qualche ragione, non funziona), si può ricorrere allo scambio tramite rete, ovvero utilizzando internet. Grazie WiFi o 3G è possibile connettersi a internet e scambiare direttamente i file con un altro dispositivo online. Questo non vuol dire che dovete inviarvi email con allegati o simili, perché esistono dei programmini, spesso gratuiti e totalmente sicuri adatti proprio all’occasione. Uno di questi è WiFi File Transfert, che permette di gestire in qualunque momento, i dati tra smartphone e PC: nella sua versione gratuita supporta documenti di una grandezza sino ai 4MB, per file più grandi bisogna, invece, ricorrere alla versione a pagamento.

Un ultimo consiglio: connettendo il vostro dispositivo Android con il cavetto USB, siete in grado di ricaricare la sua batteria.  In questo caso, se non utilizzato per archiviare i dati, l’androide sullo schermo sarà verde.

 Da Android a PC e ritorno: ecco come fare per trasferire i file

Autrice: Gaia (207 Articoli)

Cresciuta giocando a Tetris e Super Mario, è appassionata di tecnologia sin dal suo primo incontro con la “My Magic Diary”. Con la maggiore età è arrivato anche l'amore per la scrittura, per tutto ciò che si può considerare creativo e per le serie TV: oramai trentenne, gira l'Italia collaborando per differenti siti e testate giornalistiche online.

Sito Web: gaiadalessandro

Contatti

Aspetta! Ci sono altri articoli che potrebbero interessarti:

Scopri e confronta i migliori Smartphone Android in offerta:

Filed in: Easy Android Tags: , ,
  • Viviana_92

    ma io che ho il tablet sony e non ho cavetti come faccio?

  • Danilo_BB

     La chiavetta viene vista ma poi non posso ne trasferire da tablet a usb/pc e viceversa

© 2014 Fashion Android. Tutti i diritti sono riservati. P.IVA: 06244890486 - SiteMap - Policy - Pubblicizza.
Powered by Marketing Cuneo | Redazione a cura di Francesca Oliva