Come usare bluetooth per trasferire file da Android

condivisione file bluetooth

Scambiare file tra il vostro Android e un secondo dispositivo è sicuramente molto utile: inviare una fotografia o ricevere una suoneria che tanto ci piace, solo per fare alcuni esempi, è davvero semplice e a costo zero grazie al Bluetooth. Vediamo come attivarlo e utilizzarlo.

Inviare file bluetooth Android, come si fa

La prima opzione da effettuare per poter utilizzare il Bluetooth è quella di attivarlo: vi consigliamo, infatti di spegnerlo ogni qualvolta che non lo utilizzate perché, sebbene sia una tecnologia davvero utile, consuma anche molta batteria. E già (purtroppo) i nostri smartphone si scaricano così facilmente!

Per attivarlo basta selezionare la corrispettiva casella che trovate in Menu > Impostazioni > Wireless e rete: a questo punto, attivandosi, si illuminerà nella barra delle notifiche anche l’icona che rappresenta questa tecnologia. Affinchè lo scambio vada a buon fine, ssicuratevi che, oltre ad essere acceso, il Bluetooth sia impostato su Visibile (lo potete verificare su “Impostazioni Bluetooth”).

Stesso percorso anche per disattivarlo: in questo caso assicuratevi, oltre a deselezionare la relativa casella, che anche il logo sia spento.

Condivisione File Bluetooth

Una volta attivato il Bluetooth vi basterà selezionare il file che volete inviare e premere poi, dal menu, “Condividi Bluetooth”: vi apparirà una lista di tutti i dispositivi connessi, selezionate quello che desiderate e fate partire il documento.
Ricevere un file
è ancora più semplice: un messaggio notificherà che sta per arrivare un contenuto e, una volta accettato, questo si andrà a salvare nel vostro telefono.

Associare un nome al tuo dispositivo

Per rendere più facile la ricerca dei vari dispositivi possono essere necessarie due operazioni: cambiare il nome del dispositivo e salvare un’altra connessione. Nel primo caso da “Impostazioni Bluetooth” basta scegliere la voce “Nome Dispositivo” per poter poi digitare il nuovo nome: questo è utile per farsi identificare al momento dello scambio di file.

Sempre dal menu delle impostazioni è possibile selezionare la “Ricerca Dispositivi” per poi associare e così memorizzare un nuovo contatto. Vi appariranno, infatti, tutti i device che il vostro Android riesce a percepire nel raggio d’azione del Bluetooth (ovviamente anche questi devono aver attivato il loro Bluetooth!): selezionate quello che vi interessa, inserite il relativo codice pairing richiesto (è una sorta di PIN per il Bluetooth che trovate nel manuale, o è solitamente formato da numeri tutti uguali come “0000” o il classico “1234”) e l’accoppiamento sarà fatto!

Il Simbolo Bluetooth

Parlavamo prima del simbolo del Bluetooth: magari, qualcuna di voi si chiederà, ma qual è? Molto semplice, è quella strana B molto spigolosa che in realtà rappresenta due lettere in rune nordiche, la N e la B che stanno per Harold Bluetooth (Harald Blåtand) uomo diplomatico a cui la tecnologia si ispira.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome