Libera memoria Android – Come si fa

liberare-memoria-android

Lo spazio non è mai abbastanza: dagli armadi alle borse, siamo sempre in cerca di qualche centimetro in cui mettere i nostri ultimi acquisti. Lo stesso accade per il nostro smartphone o tablet Android: nonostante i tanti (o pochi) GB di memoria, e l’eventuale possibilità di espandere lo spazio con micro SD, arriverà prima o poi il messaggio che la memoria del dispositivo si sta esaurendo.

Le applicazioni che noi tutte scarichiamo dal Google Play sono sempre di più: alcune diventano per noi essenziali, altre, invece, le proviamo una o due volte per poi lasciarle nel dimenticatoio. La prima operazione, quindi, è quella di disinstallare tutto ciò che, a prima vista, ci sembra inutile: quel gioco che non ci piace proprio o quell’app che consideriamo ormai inutile, solo per fare due esempi.

Memoria piena Android

A questo punto controllate il vostro stato di memoria. Come si fa? Semplicissimo, basta andare su Impostazioni, selezionare la voce corrispondente e vi verrà mostrato quanta memoria non è disponibile sul dispositivo, e come la occupate: applicazioni, immagini, video o quant’altro. Esistono anche applicazioni realizzate proprio per questo scopo, come Disk Storage di Wemobs Labs, in grado di svolgere questo lavoro in maniera più approfondita.

Avete ancora bisogno di spazio? Ecco un’interessante applicazione, del tutto gratuita, adatta a eliminare tutto il superfluo e davvero molto utile anche se avete tanto spazio ma volete mantenere in il vostro dispositivo Android (quindi, il mio consiglio è quello di scaricare, comunque, questa o una simile).

Si tratta di Storage Analyser di LeveloKment, si può scaricare dal Google Play in modo del tutto gratuito ed è molto intuitiva da utilizzare. Non fatevi ingannare da una grafica non molto colorata e abbastanza scarna: l’app fa quello che deve senza troppi fronzoli, ovvero individua tutte quelle cartelle rimaste nonostante la disinstallazione di alcuni programmi, tutti i file inutili, ce li indica e ci permette di cancellarli liberando, così, un po’ di memoria.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome