2

Il gioco della settimana: The Sims Gratis

Ci sono giochi che hanno praticamente segnato la nostra infanzia/adolescenza/giovinezza, quei giochi che abbiamo provato tutti o per lo meno di cui abbiamo sentito parlare. The Sims è uno di questi. Naturalmente, in un’era dove nessuno può permettersi di ignorare il mondo mobile, non potevamo non aspettarci un gioco del brand anche su Android e , dovendo scegliere tra The Sims 3 e The Sims Gratis (o Free Play), abbiamo optato per quello che non pesa sulle nostre tasche pur regalandoci parecchie ore di divertimento.

Il funzionamento alla base di questo titolo ricorda un po’ i giochi gratuiti di Gameloft, quindi avremo un tutorial iniziale che ci guiderà nelle prime fasi di giochi e un limite dettato dell’energia del nostro Sims. Per il resto le meccaniche di gioco sono quelle classiche del brand per cui il nostro compito sarà comprare o costruire case da sogno, guadagnare soldi per permettercele e stringere relezioni fino a poter formare una famiglia.

Ma andiamo con ordine. Per prima cosa dovremmo scaricare i dati aggiuntivi necessari al gioco, ossia 900 Mb (ma la dimensione potrebbe variare in base al telefono posseduto). Questo esclude a priori terminali con uno spazio ridotto o con sd card non troppo capienti, a meno che non vogliate rimuovere qualcosa per fargli un po’ di spazio. Qualche problema anche dal punto della fluidità nel caso il vostro smartphone non sia troppo recente, ma essendo il gioco gratuito potete sempre provarlo per vedere come gira sul vostro terminale.

A questo potremo finalmente cominciare a giocare creando il nostro primo personaggio. La personalizzazione del Sims non è sicuramente ai livelli della versione per pc ma comunque potremmo scegliere diverse cose:

  • nome, sesso, colore della pelle
  • taglio di capelli e colore degli occhi
  • abbigliamento (potendo scegliere un abito intero oppure sopra e sotto separatamente)
Una volta terminata la composizione del nostro Sims saremmo sfortunatamente costretti a seguire il lungo tutorial che Electronic Arts ha deciso di inserire, che per altro ci obbliga praticamente a compiere solo le azioni proposte dalla guida fino al termine di questa noiosissima parte. Terminato il tutorial potremmo finalmente esplorare in pace la casa e i vari menu, tra cui ovviamente spiccano Costruisci e Arredamento che rappresentano da sempre il punto forte di questo gioco.
Dal punto di vista grafico The Sims Gratis è sicuramente un gioco meritevole visto che dietro tutto ciò si cela una delle società più famose nell’ambito videoludico che naturalmente può contare su un team di sviluppatori decisamente capaci; il gioco risulta piacevole, colorato e nettamente superiore a molti dei titoli presenti nel Play Store, quindi non potrete non adorarlo. Se poi siete amanti del brand dell’alba dei tempi il download di questo gioco è praticamente obbligatorio.  A noi è piaciuto tantissimo tanto per la qualità quanto per le meccaniche di gioco e in più The Sims è piuttosto longevo come titolo visto che è potenzialmente infinito e che viene aggiornato piuttosto spesso. Insomma, scaricatelo e fateci sapere come vi sembra!

 

Autrice: Erika (10 Articoli)

24 anni, amante del cinema, drogata di serie TV, geek fino al midollo e videogiocatrice all'occorrenza. Inspiegabilmente laureata in Scienze e tecniche psicologiche e studentessa alla magistrale di Psicologia Clinica, dello Sviluppo e Neuropsicologia. Ex editor e podcaster su Skimbu.it, autrice per Androidworld.it

Sito Web: thepsychologistofnothing

Contatti

Aspetta! Ci sono altri articoli che potrebbero interessarti:

Filed in: Giochi Tags: , , ,

Related Posts

Bookmark and Promote!

  • Cla

    non e compatibile per il mio motorola… io adoro questo gioco 🙁

  • Va alla grande ! E’ molto divertente . Solo non riesco a far diventare adolescente un pre-adolescente…ho già cotto la torta ma se ci clicco sopra non appare l’opzione cresci.

© 2017 Fashion Android. Tutti i diritti sono riservati. P.IVA: 06244890486 - SiteMap - Policy - Pubblicizza.
Powered by Marketing Cuneo | Redazione a cura di Francesca Oliva